Eventi

DEI CORPI

dal 28 luglio al 28 settembre 2020

DEI CORPI

di Sara Tenderson


"DEI corpi" è il titolo di questa mostra, completato da un verso della poetessa Maria Grazia Calandrone: "Io che credevo di sapere tutto e non sapevo niente di questo amore". Il corpo nella sacralità dell'unicità, in un Tempo che non lo riconosce, costringendolo a una omologazione sempre più asfissiante.

"Oggi viviamo il nostro corpo come un accidente e non come un predicato incluso in noi", scriveva Miguel Benasayag in "Contro il niente". "In questa visione sempre più diffusa - continua il filosofo e psicoanalista di origine argentina - il mio corpo sarebbe potuto essere differente e posso correggerne gli accidenti che non mi piacciono. Non cessiamo di comprendere delle cose del mondo in cui viviamo ma questa comprensione si fonda sulla negazione del punto di vista del corpo. L'opinione che trionfa dappertutto non ci può ingannare. (Ma) il punto di vista corporale si oppone radicalmente al regno dell'opinione: non tutto è uguale, tutto simmetrico, tutto possibile".

Culturalmente "si tratta in un certo senso di ridiventare un'individualità. Nella mia individualità posso occuparmi di tutto il pianeta e averne una conoscenza sempre meno confusa. La via dell'emancipazione passa oggi di qui: riprendere in mano questa esperienza fondamentale, il corpo contingente". "Accettare il corpo - suggerisce Benasayag - significa anche accettare che l'azione stanchi, che leggere un libro esiga tempo e fatica. Le persone non si trovano mai nelle situazioni tragiche che identificano con l'impegno, le braccia si sono conserte molto prima, quando ci si è resi conto che conoscere implica una certa fatica. Bisogna accettare il prezzo corporale di fare le cose. Se mi sorprendo a essere stanco, non faccio più niente". Intervenire, allora, mettere in gioco il proprio corpo, ecco l'etica di un impegno altro, generativo, vivo dove l'Io può ri-trovare coerenza, il suo pieno poetico, la sua cifra espressiva, la sua Deità.


Condividi su Facebook Condividi su Twitter

WebTV

Cinema del reale credits

Iscriviti alla newsletter

Ho letto e accettato le condizioni d'uso